Dott.ssa Sujata Kenjale

Servizi presso il centro: Ayurveda

Sujata KenjaleLa Dottoressa Sujata Kenjale, indiana del Maharashtra, un posto rinomato per le sue antiche tradizioni spirituali, e le sue organizzazioni culturali e scientifiche, ha studiato presso la Shivaji University, Kolhapur, dove ha conseguito la laurea in Medicina Ayurvedica e Chirurgia.
Praticante del metodo di Sahaja Yoga fin dalla nascita, unisce questa conoscenza sottile dei centri energetici dell’essere umano alla pratica scientifica dell’Ayurveda, cosa che le permette una visione più profonda e completa dei suoi pazienti.

Medicina Ayurvedica

Gli aspetti affrontati nella medicina riguardano il corpo fisico ma noi non siamo solamente questo; per l’Ayurveda una buona salute è data da un equilibrio tra corpo fisico, corpo mentale e corpo sottile o spirituale. Per avere questo non bastano medicine e una giusta alimentazione, ma occorre anche andare in profondità sino alle radici del nostro essere e arrivare all’equilibrio con lo YOGA.
YOGA (YUJ) è una parola sanskrita che significa unione dell’energia spirituale che c’è dentro di noi (KUNDALINI) con l’energia cosmica; la Kundalini fa parte del sistema sottile o spirituale insieme ad altri componenti come i tre canali ed i sette chakra, ovvero i sette punti di energia. Il corpo sottile così come il corpo fisico è formato dai cinque elementi.
I tre canali sono molto importanti perché sono i condotti che fanno scorrere l’ energia:
Il canale sinistro (IDA NADI), governato dalla luna, è il canale freddo legato al passato e all’emotività; è caratterizzato dagli elementi acqua e terra (KAPHA). Lo sbilanciamento sul canale sinistro porta a problemi psicologici, quali la depressione e fisici, quali la tendenza a contrarre infezioni.
Il canale destro (PINGALA NADI), governato dal sole, è il canale caldo legato al futuro e all’azione; è caratterizzato dall’elemento fuoco (PITTA). Lo sbilanciamento sul canale destro porta problemi legati al fegato, stress, problemi di attenzione ed infiammazioni.
Il canale centrale (SUSHUMANA NADI), governato dall’elemento aria, è il canale del presente e dell’evoluzione, è un canale molto importante perché dona equilibrio.

Quando si visita una persona essa viene considerata come un tutto integrato, indivisibile. Ad esempio se ci feriamo a una gamba, sgorgano lacrime dagli occhi, non certo dal piede. Questo mostra che tutti gli organi sono connessi gli uni agli altri. Nell’Ayurveda quindi non esiste un trattamento sintomatico ma un trattamento globale di corpo, mente e anima. L’Ayurveda mette a fuoco ogni aspetto della vita: la vita quotidiana, la dieta, l’esercizio fisico, la psicologia e la spiritualità. Secondo il maestro Atreya la natura viene definita Prakrú e il corpo umano Purush. Purush, il corpo umano, è una piccola parte di Prakrti, la natura. Questa natura è costituita da cinque elementi (Panchamahabhuta). acqua, fuoco, terra, aria ed etere. Nel corpo umano i cinque elementi sono rappresentati nella forma di Dosha, Dhatu e Maia.

Questi sono i tre elementi presenti nel corpo (umori), i Dosha. Sono le parti mobili e attive del corpo, responsabili per tutte le funzioni di crescita e decadimento dei corpo. Il primo è Vata (elemento aria), il secondo è Pitta (fuoco), e il terzo è Kapha (acqua e terra). Questi umori si trovano nel corpo in maggiore o minore quantità. L’equilibrio di questi elementi è responsabile della buona salute. Il loro aumento o diminuzione dipende dall’età, dal giorno, dal mese e dalla stagione. Ad esempio nell’infanzia l’elemento Kapha è prevalente. Nella mezza età Pitta predomina e nell’anzianità Vata è il maggiore.

L’Ayurveda afferma che per essere sani bisogna seguire i quattro principi, i quattro fini della vita. Il primo è il dharma, cioè agire nel modo giusto, sia per noi stessi che per la società. Il secondo è artha, il benessere, ovvero il possesso dei mezzi di sostentamento. Il terzo è karma, ovvero la soddisfazione dei propri desideri, nei limiti del giusto comportamento (dharma). Il quarto è moksha, cioè realizzazione del sè, lo stato più importante per l’essere umano.